Riesci a immaginare un mondo senza musica?

Forse per i più ostinati la risposta immediata a questa domanda, potrebbe essere se. Ma bene quello che ha detto Nietzsche: "La vita senza musica sarebbe un errore" e di questi ora siamo molto sicuri. Se ci riferiamo al campo musicale, i numeri sono incaricati di parlare da soli, ma anche l'industria musicale attraverso il suo progresso ha parlato da sola. Da questa prospettiva sappiamo già che è impossibile immaginare un mondo senza musica.

Indaghiamo sui suoi inizi

In termini generali, la musica è sempre stata considerata un dono degli dei in quasi tutte le culture. C'è la tendenza a credere che la sua scoperta sia avvenuta quasi contemporaneamente alla lingua. Nel caso di molti filosofi, Sono arrivati ​​a definirlo come un'arte in cui "i suoni sono stati combinati in una successione temporale" costruzione che ha ottenuto una grande influenza nella vita di ciascuna delle persone.

Sin dai tempi dell'antica Grecia, i ritmi musicali si sono formati come parte dell'educazione per trasmettere sentimenti ed esperienze. Oggi continua ad essere una forma di comunicazione incapace di lasciare da parte l'anima e i sentimenti dell'essere umano.

Vivere in un mondo muto

Immagina di entrare in macchina e di non essere accompagnato dalla tua musica preferita durante il tuo viaggio. Ora pensa di non avere l'opportunità di risollevarci il morale grazie a quella canzone che amiamo così tanto. Immaginiamo di passare la giornata senza la compagnia di qualche suono con cui risvegliare le nostre emozioni.

Ma c'è di più, Immaginiamo di non poter dedicare quel pezzo che ci piace così tanto a quella persona che amiamo così tanto, che non c'è melodia da ballare. In altre parole, che abitiamo un mondo muto.

Sotto tali pensieri, Sappiamo già che non dovrebbe essere facile immaginare la vita senza musica, ma anche senza emozioni e senza esperienze. Quindi possiamo assicurarvi che la musica ha portato al mondo un gran numero di cambiamenti che sono indescrivibili e con i quali è stata costruita la storia del mondo.. Ed è questo non solo nel XXI secolo, Vari movimenti "rivoluzionari" sono stati presenti, segnando tappe storiche.

Come riferimento, uno dei più importanti è stato il movimento hippie con cui ha avuto inizio il famoso festival di Woodstock. Nello stesso, cantanti della statura di Jimi Hendrix, Janis Joplin, la band The Doors e innumerevoli altri artisti, ha raggiunto un appello globale contro la guerra e la controcultura. Ma anni prima, I Beatles stavano già facendo lo stesso attraverso i loro ritmi ingegnosi e modificando il modo in cui percepiscono e godono la musica.

Nel corso del tempo, e con l'assassinio di John Lennon nel 1980, ha continuato a mantenere il risalto che la musica aveva avuto fino ad allora all'interno dei movimenti, sia sociale che politico Forse non c'è più l'idea nella nostra mente che sia possibile vivere senza musica.