Grande incertezza sul futuro della Fundación Bancaja e sul lancio del Caixaforum a Valencia

Considerando che tali progetti culturali situati nella capitale sono indipendenti dal ramo finanziario dei due enti bancari, anche la fusione in atto tra Bankia e CaixaBank ha il suo impatto sulla politica culturale valenciana.

Inizialmente, la Fondazione Bancaja è uno degli spazi espositivi più importanti della città, ha una vasta collezione d'arte, accompagnato da un portafoglio di attività culturali e sociali che ha fortemente influenzato la capitale.

Nello stesso modo, la Fondazione la Caixa è stata responsabile della costruzione del Caixaforum Valencia, Questo è il centro culturale che l'istituzione ha programmato di aprire per l'anno 2022, assicurato Juan Antonio Alcaraz. Si trova nell'Agorà della Città e delle Scienze di Valencia, e diventerà il nono Caixaforum della fondazione nel paese.

Al momento è in costruzione per creare uno spazio che è chiamato a dare una grande svolta alla vita artistica di Valencia. Le due entità hanno un peso notevole nella capitale, uno di loro per la sua attività odierna, e nel caso dell'altro perché si tratta di aggiungere un nuovo spazio culturale.

Ma non si può ignorare che questa fusione solleva diversi interrogativi sul futuro dei due progetti.. Tale attività influenzerà il normale funzionamento della Fondazione Bancaja o forse la futura apertura del Caixaforum Valencia? Inizialmente, questo è un aspetto che non è stato ancora discusso.

In riferimento alla prima entità, È importante ricordare che conserva a malapena il nome della defunta banca valenciana dopo aver fatto una fusione con Caja Madrid. Anche, Per l'anno 2012 è riuscita ad affermarsi come fondazione indipendente, il cui bilancio proveniva sia dall'attività di Monte de Piedad, così come gli sponsor che sostengono il lavoro sociale e culturale sviluppato dall'istituzione.

Certamente questa è una situazione in cui l'aiuto di Bankia conta come il più importante che Bancaja abbia ricevuto. Ciò è stato fatto attraverso un accordo che viene rinnovato ogni anno, e che sia orientato a quel carattere sociale e artistico che l'istituzione ha sempre difeso.

E se fosse vero, è quello al momento, la fusione tra Bankia e CaixaBank non altera i piani della fondazione, che si trova in Plaza Tetuan a Valencia. Potrebbe anche essere ridotto, che in agenda includono l'inaugurazione della prossima mostra dell'artista Antonio López.

Da parte sua, la Fondazione La Caixa ha mantenuto le previsioni sull'arrivo del Caixaforum Valencia per l'anno 2022. Per questo, I lavori sono stati avviati lo scorso marzo dopo vari ritardi.

Allo stesso modo di Bancaja, l'aspetto culturale e sociale sono una delle tre parti in cui si articola l'attività della fondazione, sebbene questo sia indipendente dal ramo finanziario (sebbene La Caixa lavori con i benefici derivanti dalla sua percentuale di partecipazione alla parte economica e commerciale della fondazione). Senza contare su questo contributo economico, progetti che hanno un carisma sociale non possono essere realizzati.